HomeFormazioneUn’opportunità per il Paese: al via il primo dottorato nazionale in Intelligenza...

Un’opportunità per il Paese: al via il primo dottorato nazionale in Intelligenza Artificiale

Il primo dottorato di questa tematica prende avvio con la firma della convenzione tra Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), Sapienza Università di Roma, Politecnico di Torino, Università Campus Bio-Medico di Roma, Università di Napolin“Federico II” e Università di Pisa.
Il Ministero dell’Università e della Ricerca (Miur) ha costituito presso il Cnr un Comitato per elaborare una strategia unitaria e realizzare un coordinamento nazionale.
Il PhD-AI.it prenderà avvio con l’anno accademico 2021/2022, sono già disponibili 194 borse. Si stima che il settore porterà entro il 2030 ad una crescita del 16% del Pil mondiale e avrà un impatto sul 70% delle aziende. Il mercato in Italia è agli albori, ma siamo al decimo posto mondiale come numero di pubblicazioni e al quinto come impatto scientifico.

L’Intelligenza artificiale (Ai) è il pilastro di una nuova rivoluzione industriale che, secondo la Commissione Europea, avrà lo stesso impatto di trasformazione sulla società e l’industria prodotto in passato dal motore a vapore e dall’elettricità.

Il McKinsey Global Institute stima che entro il 2030 l’AI porterà ad una crescita del 16% del Pil mondiale e avrà un impatto sul 70% delle aziende.
Complessivamente, il mercato dell’intelligenza artificiale in Italia è agli albori, con una spesa in tecnologie nel settore di poche centinaia di milioni di euro l’anno. Questi dati sono in linea con lo studio McKinsey sul livello di “prontezza” (AI readiness) delle varie nazioni all’utilizzo dell’AI, che ci colloca tra i paesi che al momento mostrano una “moderata” capacità di sfruttare i benefici economici che derivano da quest’innovazione, ma con un potenziale ampiamente positivo, soprattutto se le tecnologie saranno sfruttate in settori industriali strategici per il Paese quali il manifatturiero, la robotica industriale e di servizio e l’agroalimentare.
A questo scopo il Miur ha costituito presso il Consiglio nazionale delle ricerche un Comitato con il compito di elaborare la strategia italiana nell’alta formazione per l’Ai e ha finanziato con 4 milioni di euro il Cnr e con 3,85 milioni di euro l’Università di Pisa al fine di implementare la strategia elaborata dal Comitato per dar vita al “Dottorato nazionale in Intelligenza artificiale” con l’obiettivo di creare un sistema competitivo su scala mondiale e in grado non solo di trattenere in Italia i nostri migliori laureati, ma anche di attrarre talenti dagli altri Paesi.

“L’intelligenza artificiale rappresenta uno dei settori ad alto impatto che condizioneranno la competitività dei Paesi nel prossimo futuro. Su questo l’Italia deve investire per avere un ruolo internazionale ed essere in grado di competere sulle tecnologie avanzate. Il dottorato nazionale in Intelligenza artificiale è il primo passo verso questa direzione”, afferma Gaetano Manfredi, ministro dell’Università e della ricerca.

Il primo risultato del Comitato è la convenzione appena firmata per istituire un Dottorato nazionale in Intelligenza artificiale (PhD-AI.it) che, con il coordinamento del Cnr e dell’Università di Pisa,  si articolerà in cinque corsi, promossi sul territorio nazionale da raggruppamenti di università ed enti pubblici di ricerca, ciascuno coordinato da un’università capofila:

  • PhD-AI.it: Area salute e scienze della vita, coordinato dall’Università Campus Bio-Medico di Roma;
  • PhD-AI.it: Area agrifood e ambiente, coordinato dall’Università degli Studi di Napoli Federico II;
  • PhD-AI.it: Area sicurezza e cybersecurity, coordinato da Sapienza Università di Roma;
  • PhD-AI.it: Area industria 4.0, coordinato dal Politecnico di Torino;
  • PhD-AI.it: Area società, coordinato dall’Università di Pisa.

Oltre alle università capofila e al Cnr parteciperanno ai cinque corsi del PhD-AI.it altre università ed enti di ricerca italiani, selezionati mediante una chiamata aperta che verrà lanciata nel mese di settembre. L’obiettivo è chiamare a raccolta tutte le risorse nazionali per perseguire l’eccellenza scientifica e, allo stesso tempo, garantire un’ampia e qualificata copertura delle università ed enti di ricerca nazionali.
I dottorandi del PhD-AI.it riceveranno sia una “formazione orizzontale”, sugli aspetti fondazionali dell’Ai, comune tra i cinque corsi, sia una “formazione verticale”, relativa alla propria area di specializzazione. Il Dottorato nazionale in Intelligenza artificiale sarà coordinato dal Consiglio di Coordinamento Nazionale, che promuoverà, integrerà e coordinerà le attività formative comuni tra le diverse sedi.

Il PhD-AI.it prenderà avvio con l’anno accademico 2021/2022 (37° ciclo). Per i primi due cicli (37° e 38°) sono già disponibili complessivamente 194 borse (97 cofinanziate dal Cnr e 97 cofinanziate dal ministero attraverso l’Università di Pisa), per un investimento complessivo che, col co-finanziamento degli atenei, supera i 15 milioni di euro. Il bando di ammissione al PhD-AI.it verrà pubblicato agli inizi del 2021 e i corsi avranno inizio a novembre 2021.Uno studio sui lavori scientifici nel settore dell’AI, basato su dati Scopus di Elsevier, posiziona l’Italia al decimo posto a livello mondiale come numero di pubblicazioni.

Analizzando però il loro impatto scientifico vediamo che l’Italia si colloca al quinto posto.

“L’Italia può sicuramente contare su un grande punto di forza: la qualità della sua ricerca scientifica. Il nuovo dottorato nazionale in Intelligenza artificiale nasce da una forte sinergia tra il Cnr e l’università e mette a sistema le migliori competenze nazionali. L’Italia deve ripartire dalla ricerca, digitale e intelligenza artificiale sono cruciali per il futuro del paese”, conclude il presidente del Cnr, Massimo Inguscio.

(Fonte: CNR)

Potrebbe anche interessarti:

Con il progetto BRAINE big data e AI per le reti delle smart city

Anche quella #digitale è #violenzadigenere, un incontro per approfondire. @comunicattive ...https://www.radiocittafujiko.it/anche-quella-digitale-e-violenza-di-genere-un-incontro-per-approfondire/

📻Retrouvez le podcast #ParlonsEconomie de @RadioLAC avec M. Mohamadou DIALLO, DG de @ciomag et Président du Comité d'Organisation @lesatda🌍

...Quel rôle pour Genève dans la transformation #digitale en #Afrique ?

Partie 1▶️https://bit.ly/3iJEnWN
Partie 2▶️https://bit.ly/3VL6uDI

📹 Cette semaine dans #InitiativeAfrica
@eric_ndoumba, président du #CARIA nous fait part des actions du #Congo pour la transformation #digitale ...de l’#Afrique, à commencer par celles dans les écoles. Découvrez leurs programmes d’#éducation :
https://bit.ly/3Ya93Rd

Ringrazio dell'invito ricevuto dal sindacato LeS Roma Polizia di Stato rappresentata dal segretario provinciale Luca Andrieri al dibattito sulle ...nuove tecnologie digitali emergenti per efficientare la sicurezza stradale.

#digitale #innovazione #sicurezza

Houston abbiamo un problema #gendergap #internet #digitale

...https://www.corrierecomunicazioni.it/digital-economy/internet-un-terzo-del-mondo-offline-ma-il-vero-gap-e-di-genere/

📣 Poco #digitale nella Legge di #bilancio 2023: tutte le misure presenti e perché serve altro.

Oggi su @Agenda_Digitale 🗞️ l’articolo del... presidente I-Com @daempoli 👉 https://www.agendadigitale.eu/documenti/poco-digitale-nella-legge-di-bilancio-2023-tutte-le-misure-presenti-e-perche-serve-altro/

WebmarketingCOM: Dans cet article complet sur les 6 meilleures raisons d'intégrer #TikTok à votre stratégie marketing en 2023, vous allez ...découvrir comment intégrer ce réseau social à votre #stratégie #digitale. : http://ow.ly/89ve50LYIEZ

par @bri_lixa

Dans cet article complet sur les 6 meilleures raisons d'intégrer #TikTok à votre stratégie marketing en 2023, vous allez découvrir comment ...intégrer ce réseau social à votre #stratégie #digitale. : http://ow.ly/89ve50LYIEZ

par @bri_lixa

Via al Progetto Ri-Generiamoci.
Anteas Calabria dà il via ad un progetto di digitalizzazione sia per i ragazzi/e dai 15 ai 17 anni che per i nostri ...nonni over 60.
Info 👇🏼
@LameziaTermeit
#facciamoladifferenza #insieme #associazione #farerete #digitale

https://www.lameziaterme.it/progetto-ri-generiamoci-anteas-calabria-aps-seleziona-ragazzi-15-17-anni/

Sbloccato l’accesso al miliardo di euro delle risorse React-Eu che volgono lo sguardo al #digitale e ai temi #green.
Sei alla ricerca di un partner... a cui affidare la #formazione delle tue risorse?
Contattaci 📧fondi@challengenetwork.it
#FNC @ANPALgov

Guarda di più...
- Advertisment -spot_img

ULTIMI POST