Home Geo-IT I satelliti Copernicus mostrano il buco nell'ozono più grande degli ultimi anni

I satelliti Copernicus mostrano il buco nell’ozono più grande degli ultimi anni

Il satelliti di Copernicus per il monitoraggio della Terra mostrano in questi giorni il buco nell’ozono in Antartide come uno dei più grandi mai osservati negli ultimi anni.

Misurazioni dal satellite Copernicus Sentinel-5P mostrano che il buco dell’ozono in Antartide è uno dei più estesi e larghi degli ultimi anni. Un’analisi dettagliata della German Aerospace Center indica che il buco ha raggiunto ora la sua massima dimensione.

La dimensione del buco dell’ozono fluttua regolarmente. Da Agosto a Ottobre, il buco dell’ozono ha aumentato le sue dimensioni raggiungendo il massimo tra metà Settembre e metà Ottobre. Quando le temperature in alto nella stratosfera iniziano a salire nell’emisfero meridionale, la riduzione dell’ozono rallenta, il vortice polare si indebolisce e infine si rompe, e alla fine di dicembre i livelli di ozono tornano alla normalità.

Le scorse registrazioni del buco dell’ozono

Quest’anno, le misurazioni dal satellite di Copernicus Sentinel-5P mostrano che la dimensione del buco dell’ozono ha raggiunto la sua dimensione massima di 25 milioni di km² il 2 Ottobre, comparabile alla dimensione nel 2018 e nel 2015  che era all’incirca compresa tra i 22.9 e i 25.6 km² nello stesso periodo. Lo scorso anno, il buco dell’ozono non solo si era chiuso prima del solito, ma è stato anche il buco meno esteso degli ultimi 30 anni.

Da cosa può dipendere il buco dell’ozono

La variabilità della dimensione del buco dell’ozono è in gran parte determinata dalla forza di un forte vento che soffia intorno alla zona Antartica. Questo vento molto forte è la diretta conseguenza della rotazione della Terra e le grande differenza di temperatura tra latitudini polari e le latitudini medie.

Se i venti sono forti, si comportano come una barriera: masse di aria tra latitudini polari e temperate non si possono più scambiare. Le masse di aria rimangono dunque isolate tra le latitudini polari e si calmano durante l’inverno.

Claus Zehner responsabile della missione

Claus Zehner, il responsabile della missione di ESA per Copernicus Sentinel-5P, aggiunge: “Le colonne di ozono totale di Sentinel-5P forniscono un mezzo accurato per monitorare i buchi dell’ozono dallo spazio. I fenomeni del buco dell’ozono non possono essere utilizzati in modo semplice per monitorare i cambiamenti globali dell’ozono poiché sono determinati dalla forza dei forti campi di vento regionali che scorrono intorno alle aree polari “.

Dagli anni 70 fino ad oggi, il problema e la risoluzione

Negli anni ’70 e ’80, l’uso diffuso di clorofluorocarburi dannosi in prodotti come frigoriferi e contenitori per aerosol ha danneggiato l’ozono in alto nella nostra atmosfera, il che ha portato a un buco nello strato di ozono sopra l’Antartide.

In risposta a questo, il Protocollo di Montreal è stato creato nel 1987 per proteggere lo strato di ozono eliminando gradualmente la produzione e il consumo di queste sostanze nocive, il che sta portando a un ripristino dello strato di ozono.

Claus Zehner conclude: “Sulla base del protocollo di Montreal e della diminuzione delle sostanze antropogeniche dannose per l’ozono, gli scienziati attualmente prevedono che lo stato di ozono globale tornerà al suo stato normale intorno al 2050’’.

Il ruolo di ESA e gli strumenti all’avanguardia

L’ESA è stata coinvolta nel monitoraggio dell’ozono per molti anni. Lanciato nell’Ottobre 2017, il satellite Sentinel-5P è il primo satellite di Copernicus dedicato a monitorare la nostra atmosfera.

Con il suo strumento all’avanguardia, Tropomi, è in grado di rilevare i gas atmosferici per visualizzare gli inquinanti atmosferici in modo più accurato e con una risoluzione spaziale più elevata che mai.

(Fonte: ESA)

Potrebbe anche interessarti leggere:

Climate from Space, il nuovo sito ESA per avere a portata di mano tutti i dati sul clima

Open data previsioni meteo: il Centro europeo ECMWF renderà aperti e gratuiti i suoi dati

#mappe #cartografia #protezionecivile #rischi #emergenza #clima #alluvioni #previsioni #meteo
Le mappe del Dipartimento della Protezione Civile sulla ... piattaforma RADAR con i fenomeni in corso sia quelli registrati nelle ultime 24 h elaborati in #realtime
https://lnkd.in/d8peY4g

#GIS #maps #geospatial #ArcGIS #ESRI
@EsriUC User Conference 2021, programma della diretta Speciale @Esriitalia
Dibattiti, sessioni tematiche e ... #tecnologie
#geografia #digitaltwin #mappe #satelliti #geodata #opengeodata #earthobservation #storymaps
https://lnkd.in/dVFA769

Oggi martedì 6 luglio alle ore 14.30 nel Webinar con la docente Anna Ruggiero parleremo di "#Finanza alternativa: conoscere le anime del ... #crowdfunding
il #webinargratuito della nostra “#SmartManager Academy
https://www.geosmartmagazine.it/2021/07/02/finanza-alternativa-conoscere-le-anime-del-crowdfunding/

Oggi 5 Luglio alle 14.30 #Webinar
"Introduzione al #machinelearning in #analisi #urbana e territoriale" con Ricardo Barranco #DataScientist e #GIS ... expert del #JRC Joint Research Centre dell’Unione Europea.
#formazione #bigdata #AI #geodata #geospatial
https://www.geosmartmagazine.it/2021/07/02/introduzione-al-machine-learning-in-analisi-urbana-e-territoriale/?fbclid=IwAR0stvsx-TW2l5gdjxli-pGOVva60t4uDqi8iNx2ropojYODQ4cn6qA3U0w

#Digitaltwin OIL&GAS #rilievo #laserscanner e gestione impianto
webinar gratuito GIOVEDI’ 1 LUGLIO h 11.00
I sistemi di misura moderni: ... #laserscanning #3D
intelligent #3dmodel caricamento aggiornamento gestione dati #3dmodeling
https://bit.ly/3qBRtoR

OGGI 28 giugno, ore 14,30 #Webinar “Sviluppa relazioni lavorative di successo” Relatore Umberto Maggesi, di @Forma_Mentis, per la #SmartManager ... Academy webinar gratuito
#formazione #softskill #teamwork #Manager #collaboration
https://www.geosmartmagazine.it/2021/06/25/smart-manager-academy-webinar-sviluppa-relazioni-lavorative-di-successo/

Le #TecnologieDigitali in ambito #HealthCare: la Campania nel percorso di transizione verso la #NextNormal: Massimo Bisogno - @Reg_Campania e il suo ... imperdibile #keynote.

#FHITA21 @FrontiersHealth

Oggi 23 giugno, ore 15 #webinar “Tecniche di #negoziazione – Perché è difficile impostare una negoziazione con modalità cooperative” by ... Roberto Alfieri #managerialskills #negotiation #negotiationskills #formazioneprofessionale #negotiationtraining
https://www.geosmartmagazine.it/2021/06/22/tecniche-di-negoziazione-le-modalita-cooperative/

Siamo live con #drone #delivery problems con marco magnani parliamo degli approcci ricerca e sviluppo di soluzioni. @geosmartcampus #AI #digital ... #Academy

3

#finanziamenti #formazione #lavoro #HR
LIVE ora - Nuovi servizi GEOsmartcampus Academy dedicati ai finanziamenti della formazione e inserimento di ... risorse professionali
LINK - https://lnkd.in/dJJ6ECW
PASSWORD =>> ACADEMY2021

Guarda di più...
- Advertisment -

ULTIMI POST

Il Machine Learning in analisi urbana e territoriale

Si è svolto lo scorso 5 Luglio il webinar della GEOsmart Academy dedicato al "Machine Learning in analisi urbana e territoriale" che ha avuto...

Libro Bianco dell’Associazione Scientifica Sanità Digitale: tecnologie innovative per superare le fragilità

Sarà ufficialmente presentato a settembre il secondo Libro Bianco dell'Associazione Scientifica per la Sanità Digitale dal titolo "Fragilità e tecnologie dell'informazione e della comunicazione...

Speciale Esri User Conference 2021, report con tutte le novità ed i video

Si è conclusa da pochi giorni la Esri User Conference 2021 che tutti abbiamo potuto seguire grazie alla diretta dello Speciale Esri User Conference,...

Intervista al CEO di “Monitor The Planet”: innovazione per l’informazione geografica

GEOsmart Magazine intervista Emanuele Dal Monte, CEO di "Monitor The Planet" sul  tema innovazione per l'informazione geografica e territoriale. Intervista a cura di Domenico Santarsiero. Monitor...