HomeLavoroPubblicato il bando per la Digital Transformation delle PMI

Pubblicato il bando per la Digital Transformation delle PMI

100 milioni di euro stanziati. Dal 15 dicembre le domande per richiedere l’agevolazione del bando per la Digital Transformation delle PMI

Il Ministero dello Sviluppo economico ha pubblicato il decreto che definisce i termini e le modalità di presentazione delle domande di agevolazione per il bando “Digital Transformation” delle PMI.

Per questa misura sono stati stanziati 100 milioni di euro dal Decreto Crescita, con l’obiettivo di favorire la trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l’applicazione di tecnologie avanzate previste nell’ambito di Impresa 4.0 e di quelle relative a soluzioni tecnologiche digitali di filiera.
In particolare, si punta a sostenere la Digital Transformation nel settore manifatturiero e in quello dei servizi diretti alle imprese, nel settore turistico per le imprese impegnate nella digitalizzazione della fruizione dei beni culturali e nel settore del commercio, contribuendo così agli obiettivi di innovazione e di crescita di competitività dell’intero tessuto produttivo del Paese.

Le domande potranno essere compilate a partire dal prossimo 15 dicembre e saranno valutate e gestite da Invitalia.

A chi si rivolge?
Possono beneficiare delle agevolazioni le PMI che, alla data di presentazione della domanda, risultino;

  • iscritte come attive nel Registro delle imprese;
  • operano in via prevalente o primaria nel settore manifatturiero e/o in quello dei servizi diretti alle imprese manifatturiere e/o nel settore turistico e/o nel settore del commercio;
  • hanno conseguito, nell’esercizio cui si riferisce l’ultimo bilancio approvato e depositato, un importo dei ricavi delle vendite e delle prestazioni pari almeno a euro 100.000,00;
  • dispongono di almeno due bilanci approvati e depositati presso il Registro delle imprese;
  • non sono sottoposte a procedura concorsuale e non si trovano in stato di fallimento, di liquidazione anche volontaria, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente.

Le PMI in possesso dei predetti requisiti possono presentare, anche congiuntamente tra loro, purché in numero comunque non superiore a dieci imprese, progetti realizzati mediante il ricorso allo strumento del contratto di rete o ad altre forme contrattuali di collaborazione, compresi il consorzio e l’accordo di partenariato in cui figuri, come soggetto promotore capofila, un DIH-digital innovation hub o un EDI-ecosistema digitale per l’innovazione, di cui al Piano nazionale Impresa 4.0.

Cosa finanzia?

I progetti ammissibili alle agevolazioni devono essere diretti alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi dei soggetti proponenti mediante l’implementazione di

  1. tecnologie abilitanti individuate dal Piano nazionale impresa 4.0. (advanced manufacturing solutions, addittive manufacturing, realtà aumentata, simulation, integrazione orizzontale e verticale, industrial internet, cloud, cybersecurity, big data e analytics) e/o;
  2. tecnologie relative a soluzioni tecnologiche digitali di filiera, finalizzate:
    1) all’ottimizzazione della gestione della catena di distribuzione e della gestione delle relazioni con i diversi attori;
    2) al software;
    3) alle piattaforme e applicazioni digitali per la gestione e il coordinamento della logistica con elevate caratteristiche di integrazione delle attività di servizio;
    4) ad altre tecnologie, quali sistemi di e-commerce, sistemi di pagamento mobile e via internet, fintech, sistemi elettronici per lo scambio di dati (electronic data interchange-EDI), geolocalizzazione, tecnologie per l’in-store customer experience, system integration applicata all’automazione dei processi, blockchain, intelligenza artificiale, internet of things.
  3. A tal fine i progetti devono prevedere la realizzazione di:
    1. attività di innovazione di processo o di innovazione dell’organizzazione, ovvero;
    2. investimenti.

I progetti di spesa devono, inoltre, essere realizzati nell’ambito di una unità produttiva dell’impresa proponente ubicata su tutto il territorio nazionale, prevedere un importo di spesa non inferiore a euro 50.000,00 e non superiore a 500.000,00; essere avviati successivamente alla presentazione della domanda di accesso alle agevolazioni e prevedere una durata non superiore a 18 mesi dalla data del provvedimento di concessione delle agevolazioni, fermo restando la possibilità da parte del Ministero di concedere, su richiesta motivata dal soggetto beneficiario, una proroga del termine di ultimazione non superiore a 6 mesi.

I progetti agevolabili nell’ambito dell’intervento Digital Transformation possono essere cofinanziati nell’ambito del PON Imprese e Competitività 2014-2020.

(Fonte: Mise)

Potrebbe interessarti anche: Bitesp Digital 2020 per promuovere le nuove frontiere del turismo italiano

Parlando di #experience #costumerjourney nel lusso oggi non si può non far riferimento alla componente #digitale che ha contaminato il #settore, pur... rimanendo ancora molto affezionato alla relazione umana

Simona Pantò, Head of Marketing and Communication, Arsenale

#TIGlifestyle

Transizione #digitale per una #governance #sostenibile

per rivedere l'intervento di Alessandra Patera, Head of Marketing, Institutional Sales, ESG ...di @DeaCapital_AF in occasione delle Settimane SRI organizzate dal @ItaSIF 👇

Forum per la Finanza Sostenibile @ItaSIF

📣 Sono online i materiali del webinar "Transizione digitale per una governance sostenibile", organizzato dal Forum con @DeaCapital_AF, #ERM, ...@SocieteGenerale Securities Services.
📹 Video 👉 https://bit.ly/3UobQTZ
💬 Twitter cronaca 👉 https://bit.ly/3AZHjVF
#SettimaneSRI

Il Comitato Imprenditoria Femminile sostiene "http://WO.MEN in Mentoring".
2 dicembre, ore 10.30, Stefania Mancini di @MapsGroup e Antonella Bandoli ...di @matiteravenna dialogano sull’importanza del contributo femminile nel #digitale. Iscrivetevi: https://lnkd.in/dP8WQ4M2

Formez PA al V Raduno dei Responsabili per la Transizione #digitale, alla prova del #Pnrr. Interverrà il Ministro per la PA, @Paolo_Zangrillo.
...@SergioTalamo parteciperà al tavolo su comunicazione per transizione digitale nella PA.
➡️ Programma: https://www.lapadigitale.it/raduno-rtd-2022/

Het #digitale marketingspeelveld breidt steeds verder uit. Niet gek. 97% van alle Nederlanders gebruikt het #internet. En dit is de manier om ze te ...bereiken. Waar moet je aan denken als je wilt beginnen? Lees onze #marketing gids! https://salesforce.smh.re/1vNG

🇪🇺📣#5dicembre, ore 10:30 @Unimolise "L'#AnnoEuropeodeiGiovani: Un futuro più verde, più #digitale e più #inclusivo" seminario #CDEunimol,... @EuropeDirectCBa e @europainitalia con @DipPoliticheUE; ospite Prof. @gbavota @USI_university👇
Anche online #Teams!👉https://bit.ly/3UaPSUR

▶️Sta per cominciare l'Executive Conference #Lifestyle: il ruolo del #digitale #fashion #luxury

👠👜📈 Questo pomeriggio ospiteremo molti... protagonisti ai vertici dei #brand più iconici a livello mondiale e insieme a loro delineeremo gli scenari futuri del settore

#TIGlifestyle

Acquista in #digitale #carica sul sito https://www.pond5.com/ru/artist/sovushka13?ref=sovushka13
#BlackFriday #Genova #SestriPonente #Sampierdarena ...#Voltri #Mele #novita #saldi #igersitalia #Venezia #buongiorno #amalfi #Italia #Capri #Genova #Vaticano #Napoli #amore #2022trend #exotico #Arte #Meta #viaggio #Bari

#Digitale è bello, così le #Pmi italiane possono fare rete in #Ue

L'articolo di @FDePalo

...➡️https://formiche.net/2022/12/digitale-pmi-italia-rete-ue/

Guarda di più...
- Advertisment -spot_img

ULTIMI POST