Home Geo In orbita il satellite Sentinel-6 Copernicus per il monitoraggio del livello del...

In orbita il satellite Sentinel-6 Copernicus per il monitoraggio del livello del mare

Dal 21 novembre è in orbita attorno alla terra il nuovo satellite Sentinel-6 Copernicus intitolato a Michael Freilich. Michael Freilich è stato un oceanografo americano, direttore della divisione di Scienze della Terra della NASA dal 2006 al 2019.

Il satellite Copernicus Sentinel-6  è stato lanciato in orbita attorno alla Terra. Utilizzando la più recente tecnologia di altimetria radar, questo nuovo satellite è impostato per fornire una nuova panoramica della topografia oceanica e aumentare i record a lungo termine delle misurazioni dell’altezza della superficie del mare iniziata nel 1992 – misurazioni che sono essenziali per la scienza del clima, per il processo decisionale e, infine, per proteggere la vita di milioni di persone a rischio di innalzamento del livello del mare.

Un razzo SpaceX Falcon 9 è decollato dalla base aerea di Vandenberg in California, USA, alle 17:17 GMT (18:17 CET, 9:17 PST) del 21 novembre trasportando il satellite Sentinel-6 da 1,2 tonnellate. Il satellite è stato liberato in orbita poco meno di un’ora dopo il decollo e il contatto è stato stabilito alla stazione di terra in Alaska alle 19:49 CET.

Il direttore di Earth Observation Programmes dell’ESA, Josef Aschbacher, ha dichiarato: “Sono estremamente orgoglioso di aver visto il decollo di Copernicus Sentinel-6 questa sera e so che è sulla buona strada per iniziare la sua missione di continuare le misurazioni del livello del mare che sono così necessarie per comprendere e monitorare la preoccupante tendenza dell’innalzamento dei mari. Vorrei ringraziare non solo i team ESA che hanno lavorato così duramente per arrivare a questo punto, ma anche EC, Eumetsat, NASA, NOAA e CNES e, naturalmente, non vediamo l’ora di un’ulteriore proficua collaborazione tra i nostri rispettive organizzazioni. ”

Perché è importante tenere sotto controllo il livello dei mari

Con milioni di persone che vivono lungo le comunità costiere di tutto il mondo, l’innalzamento dei mari è in cima alla lista delle principali preoccupazioni legate al cambiamento climatico. Il monitoraggio dell’altezza della superficie del mare è fondamentale per comprendere i cambiamenti in atto in modo che i responsabili delle decisioni abbiano le prove per attuare politiche appropriate per aiutare a frenare i cambiamenti climatici e affinché le autorità agiscano per proteggere le comunità vulnerabili.

Negli ultimi tre decenni, le serie di missioni franco-statunitensi Topex-Poseidon e Jason sono servite come missioni di riferimento e, in combinazione con i satelliti ERS ed Envisat dell’ESA, nonché con CryoSat e Copernicus Sentinel-3 di oggi, hanno mostrato come il livello del mare sia aumentato di circa 3,2 mm in media ogni anno. Ancora più allarmante, questo tasso di crescita sta accelerando; negli ultimi anni il tasso medio di aumento è stato di 4,8 mm all’anno.

Copernicus Sentinel-6B

Ora in orbita, Copernicus Sentinel-6 raccoglierà presto il testimone ed estenderà questo dataset; un set di dati che è il “gold standard” per gli studi sul clima. La missione comprende due satelliti identici lanciati in sequenza, quindi tra cinque anni Copernicus Sentinel-6B sarà lanciato per subentrare. La missione nel suo insieme garantirà la continuità dei dati almeno fino al 2030.

Ogni satellite trasporta un radar altimetro, che funziona misurando il tempo impiegato dagli impulsi radar per viaggiare sulla superficie terrestre e di nuovo verso il satellite. Combinate con dati di localizzazione satellitare precisi, le misurazioni altimetriche danno come risultato l’altezza della superficie del mare.

Il pacchetto di strumenti dei satelliti include anche un radiometro a microonde avanzato che tiene conto della quantità di vapore acqueo nell’atmosfera, la quale influisce sulla velocità degli impulsi radar dell’altimetro.

Per garantire che le serie temporali dei dati siano continue nonostante il cambiamento delle tecnologie degli strumenti, Sentinel-6 sta trascorrendo il suo primo anno in orbita volando a soli 30 secondi dietro Jason-3.

Orbitando a un’altitudine di oltre 1300 km e raggiungendo 66 ° N e 66 ° S, Sentinel-6 fornisce misurazioni sufficienti per mappare l’altezza della superficie del mare e con una frequenza di aggiornamento ogni 10 giorni sopra al 95% degli oceani senza ghiaccio nel mondo.

Sebbene Sentinel-6 sia una delle missioni Copernicus della famiglia dell’Unione europea, la sua implementazione è il risultato di una cooperazione unica tra la Commissione europea ESA, Eumetsat, NASA e NOAA, con il contributo dell’agenzia spaziale francese CNES.

Timo Pesonen, l’European Commission’s Director-General for Defence Industry and Space, ha affermato: “Siamo molto lieti di accogliere questo nuovo arrivato nella flotta di satelliti Sentinel di Copernicus UE . Copernicus Sentinel-6 Michael Freilich consentirà di fornire prodotti e informazioni migliorati sugli oceani e sull’atmosfera per migliorare la vita quotidiana dei nostri cittadini. L’arrivo di questo satellite è un altro successo per Copernicus, per l’Europa, per tutti i partner della missione e nel mondo“.

L’ESA è stata responsabile dello sviluppo del radar altimetro Poseidon-4 e dello sviluppo del Copernicus Sentinel-6 Michael Freilich, nel suo complesso. È anche responsabile per l’acquisizione di Copernicus Sentinel-6B per conto della Commissione europea e di Eumetsat.

La ownership viene trasferita alla CE al momento del decollo. L’ESA si occupa della fase iniziale di orbita e della pianificazione della verifica in orbita e supporta inoltre le operazioni di volo eseguite da Eumetsat.

Eumetsat è responsabile dello sviluppo del segmento di terra e delle operazioni dopo il lancio e le prime fasi di orbita. Eumetsat elabora i dati e fornisce i servizi di prodotti di dati agli utenti europei.

Il direttore generale di Eumetsat, Alain Ratier, ha dichiarato: “I dati di Copernicus Sentinel-6 Michael Freilich saranno i più accurati finora e verranno utilizzati per ottenere una comprensione più profonda dell’innalzamento globale del livello del mare, un indicatore chiave del cambiamento climatico. I dati verranno utilizzati anche per le previsioni meteorologiche, dal miglioramento dell’accuratezza delle previsioni stagionali alla previsione delle tracce di uragani e cicloni“.

La NASA ha la responsabilità dei servizi di lancio, dello sviluppo del radiometro a microonde, del retroriflettore laser e del ricevitore di occultazione radio GNSS. Fornisce inoltre supporto al segmento di terra e contribuisce alle operazioni e all’elaborazione dei dati negli Stati Uniti. La NASA e la NOAA condividono la responsabilità della distribuzione dei prodotti di dati agli utenti negli Stati Uniti.

Per maggiori informazioni: ESA
Potrebbe interessarti anche:

I satelliti Copernicus mostrano il buco nell’ozono più grande degli ultimi anni

Terremoto: satelliti, sensori e algoritmi per la ricostruzione post-sisma

- Advertisment -

11° Puntata GeoSmartVoice - Ospite @dardisan Dario DI Santo, Managing Director at @FIRE_ita https://www.youtube.com/watch?v=xnrfB68vPu8
#energy ... #EnergyManagers #SmartCity #DigitalTransformation

🌿.@umbraflornews è la più grande realtà di produzione vivaistica dell’Umbria che ha a disposizione una nuovissima piattaforma che consente di ... archiviare dati di monitoraggio forestale. Scopri ➡ https://bit.ly/3snL55j

@GisAction @TeamDevTech @Esri @Esri_Nonprofit @ArcGISOnline

#EO @esa affida al consorzio guidato da @e_geos lo European Ground Motion Service – #EGMS per il #monitoraggio da #satellite dei movimenti del ... suolo.
#riskmap #riskmanagement #Copernicus #Sentinel
https://bit.ly/2XS9RfT

La trasformazione digitale del Paese è un lavoro di squadra: con una media di 250 adesioni al giorno, sono oltre 3000 le domande dei Comuni italiani ... che hanno aderito all’Avviso Pubblico per promuovere la diffusione di #Spid, @PagoPA e @IOitaliait . C’è tempo fino al 15 gennaio

SAVE The DATE! On February the 3rd at 10 AM the first #EO4GEO Webinar will take place, providing information about Urban Heat Islands and the ... importance of their identification in a spatial planning context. Register here http://www.eo4geo.eu/training-actions/identification-of-heat-islands-to-support-city-planning/

11° Puntata GeoSmartVoice - Ospite @dardisan Dario DI Santo, Managing Director at @FIRE_ita
Riflessioni ed approfondimenti sulla gestione ... dell’energia per generare valore a più livelli.
#energiaelettrica #energia #trasformazionedigitale #energymanagement
https://youtu.be/xnrfB68vPu8

#Digitaltwin #BIM #gaming e #geodata integrazione di tecnologie e dati. #eXtendedreality a Castelluccio di Norcia, Virtual Environment Eye per ... progettazione e realtime model #rendering
https://lnkd.in/dypgqf6
#digitalinnovation #3dmodel #ingegneria #progettazione #geospatial

2
Guarda di più...
- Advertisment -

ULTIMI POST

Le prime immagini dal satellite COSMO-SkyMed Seconda Generazione (CSG)

COSMO-SkyMed Seconda Generazione (CSG) diventa operativo rafforzando il ruolo e il contributo dell’Italia nel campo dell’Osservazione della Terra. Superata con successo la fase di test...

Corsi GIS 2021 online della Società Geografica Italiana

La Società Geografica Italiana, nell’ambito della formazione digitale, ha programmato un calendario di Corsi GIS 2021 online per l’anno 2021. Quattro proposte diverse con...

La digital transformation nelle smart city, webinar Link Campus University

La digital transformation nelle smart city. Link Campus University, partner di GEOsmartcampus, organizza il webinar gratuito "La Digital Transformation delle città. Come l'innovazione tecnologica e...

IQUII è alla ricerca di personale per strategie social e digital integrate

IQUII è alla ricerca di personale per strategie social e digital integrate da inserire nel Team. Chi è IQUII Nata nel 2011 IQUII è una Digital...