Home Geo-IT In orbita il satellite Sentinel-6 Copernicus per il monitoraggio del livello del...

In orbita il satellite Sentinel-6 Copernicus per il monitoraggio del livello del mare

Dal 21 novembre è in orbita attorno alla terra il nuovo satellite Sentinel-6 Copernicus intitolato a Michael Freilich. Michael Freilich è stato un oceanografo americano, direttore della divisione di Scienze della Terra della NASA dal 2006 al 2019.

Il satellite Copernicus Sentinel-6  è stato lanciato in orbita attorno alla Terra. Utilizzando la più recente tecnologia di altimetria radar, questo nuovo satellite è impostato per fornire una nuova panoramica della topografia oceanica e aumentare i record a lungo termine delle misurazioni dell’altezza della superficie del mare iniziata nel 1992 – misurazioni che sono essenziali per la scienza del clima, per il processo decisionale e, infine, per proteggere la vita di milioni di persone a rischio di innalzamento del livello del mare.

Un razzo SpaceX Falcon 9 è decollato dalla base aerea di Vandenberg in California, USA, alle 17:17 GMT (18:17 CET, 9:17 PST) del 21 novembre trasportando il satellite Sentinel-6 da 1,2 tonnellate. Il satellite è stato liberato in orbita poco meno di un’ora dopo il decollo e il contatto è stato stabilito alla stazione di terra in Alaska alle 19:49 CET.

Il direttore di Earth Observation Programmes dell’ESA, Josef Aschbacher, ha dichiarato: “Sono estremamente orgoglioso di aver visto il decollo di Copernicus Sentinel-6 questa sera e so che è sulla buona strada per iniziare la sua missione di continuare le misurazioni del livello del mare che sono così necessarie per comprendere e monitorare la preoccupante tendenza dell’innalzamento dei mari. Vorrei ringraziare non solo i team ESA che hanno lavorato così duramente per arrivare a questo punto, ma anche EC, Eumetsat, NASA, NOAA e CNES e, naturalmente, non vediamo l’ora di un’ulteriore proficua collaborazione tra i nostri rispettive organizzazioni. ”

Perché è importante tenere sotto controllo il livello dei mari

Con milioni di persone che vivono lungo le comunità costiere di tutto il mondo, l’innalzamento dei mari è in cima alla lista delle principali preoccupazioni legate al cambiamento climatico. Il monitoraggio dell’altezza della superficie del mare è fondamentale per comprendere i cambiamenti in atto in modo che i responsabili delle decisioni abbiano le prove per attuare politiche appropriate per aiutare a frenare i cambiamenti climatici e affinché le autorità agiscano per proteggere le comunità vulnerabili.

Negli ultimi tre decenni, le serie di missioni franco-statunitensi Topex-Poseidon e Jason sono servite come missioni di riferimento e, in combinazione con i satelliti ERS ed Envisat dell’ESA, nonché con CryoSat e Copernicus Sentinel-3 di oggi, hanno mostrato come il livello del mare sia aumentato di circa 3,2 mm in media ogni anno. Ancora più allarmante, questo tasso di crescita sta accelerando; negli ultimi anni il tasso medio di aumento è stato di 4,8 mm all’anno.

Copernicus Sentinel-6B

Ora in orbita, Copernicus Sentinel-6 raccoglierà presto il testimone ed estenderà questo dataset; un set di dati che è il “gold standard” per gli studi sul clima. La missione comprende due satelliti identici lanciati in sequenza, quindi tra cinque anni Copernicus Sentinel-6B sarà lanciato per subentrare. La missione nel suo insieme garantirà la continuità dei dati almeno fino al 2030.

Ogni satellite trasporta un radar altimetro, che funziona misurando il tempo impiegato dagli impulsi radar per viaggiare sulla superficie terrestre e di nuovo verso il satellite. Combinate con dati di localizzazione satellitare precisi, le misurazioni altimetriche danno come risultato l’altezza della superficie del mare.

Il pacchetto di strumenti dei satelliti include anche un radiometro a microonde avanzato che tiene conto della quantità di vapore acqueo nell’atmosfera, la quale influisce sulla velocità degli impulsi radar dell’altimetro.

Per garantire che le serie temporali dei dati siano continue nonostante il cambiamento delle tecnologie degli strumenti, Sentinel-6 sta trascorrendo il suo primo anno in orbita volando a soli 30 secondi dietro Jason-3.

Orbitando a un’altitudine di oltre 1300 km e raggiungendo 66 ° N e 66 ° S, Sentinel-6 fornisce misurazioni sufficienti per mappare l’altezza della superficie del mare e con una frequenza di aggiornamento ogni 10 giorni sopra al 95% degli oceani senza ghiaccio nel mondo.

Sebbene Sentinel-6 sia una delle missioni Copernicus della famiglia dell’Unione europea, la sua implementazione è il risultato di una cooperazione unica tra la Commissione europea ESA, Eumetsat, NASA e NOAA, con il contributo dell’agenzia spaziale francese CNES.

Timo Pesonen, l’European Commission’s Director-General for Defence Industry and Space, ha affermato: “Siamo molto lieti di accogliere questo nuovo arrivato nella flotta di satelliti Sentinel di Copernicus UE . Copernicus Sentinel-6 Michael Freilich consentirà di fornire prodotti e informazioni migliorati sugli oceani e sull’atmosfera per migliorare la vita quotidiana dei nostri cittadini. L’arrivo di questo satellite è un altro successo per Copernicus, per l’Europa, per tutti i partner della missione e nel mondo“.

L’ESA è stata responsabile dello sviluppo del radar altimetro Poseidon-4 e dello sviluppo del Copernicus Sentinel-6 Michael Freilich, nel suo complesso. È anche responsabile per l’acquisizione di Copernicus Sentinel-6B per conto della Commissione europea e di Eumetsat.

La ownership viene trasferita alla CE al momento del decollo. L’ESA si occupa della fase iniziale di orbita e della pianificazione della verifica in orbita e supporta inoltre le operazioni di volo eseguite da Eumetsat.

Eumetsat è responsabile dello sviluppo del segmento di terra e delle operazioni dopo il lancio e le prime fasi di orbita. Eumetsat elabora i dati e fornisce i servizi di prodotti di dati agli utenti europei.

Il direttore generale di Eumetsat, Alain Ratier, ha dichiarato: “I dati di Copernicus Sentinel-6 Michael Freilich saranno i più accurati finora e verranno utilizzati per ottenere una comprensione più profonda dell’innalzamento globale del livello del mare, un indicatore chiave del cambiamento climatico. I dati verranno utilizzati anche per le previsioni meteorologiche, dal miglioramento dell’accuratezza delle previsioni stagionali alla previsione delle tracce di uragani e cicloni“.

La NASA ha la responsabilità dei servizi di lancio, dello sviluppo del radiometro a microonde, del retroriflettore laser e del ricevitore di occultazione radio GNSS. Fornisce inoltre supporto al segmento di terra e contribuisce alle operazioni e all’elaborazione dei dati negli Stati Uniti. La NASA e la NOAA condividono la responsabilità della distribuzione dei prodotti di dati agli utenti negli Stati Uniti.

Per maggiori informazioni: ESA
Potrebbe interessarti anche:

I satelliti Copernicus mostrano il buco nell’ozono più grande degli ultimi anni

Terremoto: satelliti, sensori e algoritmi per la ricostruzione post-sisma

#mappe #cartografia #protezionecivile #rischi #emergenza #clima #alluvioni #previsioni #meteo
Le mappe del Dipartimento della Protezione Civile sulla ... piattaforma RADAR con i fenomeni in corso sia quelli registrati nelle ultime 24 h elaborati in #realtime
https://lnkd.in/d8peY4g

#GIS #maps #geospatial #ArcGIS #ESRI
@EsriUC User Conference 2021, programma della diretta Speciale @Esriitalia
Dibattiti, sessioni tematiche e ... #tecnologie
#geografia #digitaltwin #mappe #satelliti #geodata #opengeodata #earthobservation #storymaps
https://lnkd.in/dVFA769

Oggi martedì 6 luglio alle ore 14.30 nel Webinar con la docente Anna Ruggiero parleremo di "#Finanza alternativa: conoscere le anime del ... #crowdfunding
il #webinargratuito della nostra “#SmartManager Academy
https://www.geosmartmagazine.it/2021/07/02/finanza-alternativa-conoscere-le-anime-del-crowdfunding/

Oggi 5 Luglio alle 14.30 #Webinar
"Introduzione al #machinelearning in #analisi #urbana e territoriale" con Ricardo Barranco #DataScientist e #GIS ... expert del #JRC Joint Research Centre dell’Unione Europea.
#formazione #bigdata #AI #geodata #geospatial
https://www.geosmartmagazine.it/2021/07/02/introduzione-al-machine-learning-in-analisi-urbana-e-territoriale/?fbclid=IwAR0stvsx-TW2l5gdjxli-pGOVva60t4uDqi8iNx2ropojYODQ4cn6qA3U0w

#Digitaltwin OIL&GAS #rilievo #laserscanner e gestione impianto
webinar gratuito GIOVEDI’ 1 LUGLIO h 11.00
I sistemi di misura moderni: ... #laserscanning #3D
intelligent #3dmodel caricamento aggiornamento gestione dati #3dmodeling
https://bit.ly/3qBRtoR

OGGI 28 giugno, ore 14,30 #Webinar “Sviluppa relazioni lavorative di successo” Relatore Umberto Maggesi, di @Forma_Mentis, per la #SmartManager ... Academy webinar gratuito
#formazione #softskill #teamwork #Manager #collaboration
https://www.geosmartmagazine.it/2021/06/25/smart-manager-academy-webinar-sviluppa-relazioni-lavorative-di-successo/

Le #TecnologieDigitali in ambito #HealthCare: la Campania nel percorso di transizione verso la #NextNormal: Massimo Bisogno - @Reg_Campania e il suo ... imperdibile #keynote.

#FHITA21 @FrontiersHealth

Oggi 23 giugno, ore 15 #webinar “Tecniche di #negoziazione – Perché è difficile impostare una negoziazione con modalità cooperative” by ... Roberto Alfieri #managerialskills #negotiation #negotiationskills #formazioneprofessionale #negotiationtraining
https://www.geosmartmagazine.it/2021/06/22/tecniche-di-negoziazione-le-modalita-cooperative/

Siamo live con #drone #delivery problems con marco magnani parliamo degli approcci ricerca e sviluppo di soluzioni. @geosmartcampus #AI #digital ... #Academy

3

#finanziamenti #formazione #lavoro #HR
LIVE ora - Nuovi servizi GEOsmartcampus Academy dedicati ai finanziamenti della formazione e inserimento di ... risorse professionali
LINK - https://lnkd.in/dJJ6ECW
PASSWORD =>> ACADEMY2021

Guarda di più...
- Advertisment -

ULTIMI POST

Il Machine Learning in analisi urbana e territoriale

Si è svolto lo scorso 5 Luglio il webinar della GEOsmart Academy dedicato al "Machine Learning in analisi urbana e territoriale" che ha avuto...

Libro Bianco dell’Associazione Scientifica Sanità Digitale: tecnologie innovative per superare le fragilità

Sarà ufficialmente presentato a settembre il secondo Libro Bianco dell'Associazione Scientifica per la Sanità Digitale dal titolo "Fragilità e tecnologie dell'informazione e della comunicazione...

Speciale Esri User Conference 2021, report con tutte le novità ed i video

Si è conclusa da pochi giorni la Esri User Conference 2021 che tutti abbiamo potuto seguire grazie alla diretta dello Speciale Esri User Conference,...

Intervista al CEO di “Monitor The Planet”: innovazione per l’informazione geografica

GEOsmart Magazine intervista Emanuele Dal Monte, CEO di "Monitor The Planet" sul  tema innovazione per l'informazione geografica e territoriale. Intervista a cura di Domenico Santarsiero. Monitor...