HomeGeo-ITFormazione GeoMaster in Progettazione, applicazione, regolamentazione SAPR

Master in Progettazione, applicazione, regolamentazione SAPR

Aperte le iscrizioni al master Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto (SAPR) presso l’Università di Roma Tor Vergata. Il bando di ammissione alla nuova edizione del Master scadrà il prossimo 15 Gennaio 2021.

Nonostante il crescente utilizzo dei Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto in varie aree applicative e di ricerca, sono ancora carenti i corsi di livello universitario in cui i vari aspetti di interesse quali la progettazione, l’applicazione, la regolamentazione siano affrontati in maniera organica e approfondita. Il Master, organizzato in collaborazione con ENAC, e in partnership tra gli altri con Aeronautica Militare e Telespazio, ha l’ambizione di creare nuovi profili di specialisti in grado progettare la prossima generazione di servizi basati su drone.

Attenzione: quest’anno gran parte delle lezioni sarà on-line!

Presentazione del Master 

Master Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto (SAPR) Progettazione, applicazione, regolamentazione – Design, Application, Regulation of UAV (UNMANNED AERIAL VEHICLES) – a.a. 2020-2021

Master di primo livello – Dip. di Ingegneria civile e Ing. Informatica – Durata 1 anno – Crediti 60
Coordinatore: Prof. Del Frate Fabio

Istituzione

Il Master universitario di I livello in “Progettazione, Applicazione, Regolamentazione dei Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto (SAPR)” – “Design, Application, Regulation of UAV (Unmanned Aerial Vehicles)” è istituito, presso il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, in convenzione con GEO-K s.r.l., Aerovision s.r.l., Aerialclick s.r.l., ENAC, Aeronautica Militare, Telespazio SpA.

Finalità

Il Master prende le mosse dal riconoscimento del crescente utilizzo dei Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto, comunemente noti anche come droni, in varie aree applicative e di ricerca. Limitatamente al caso civile, la crescita esponenziale del mercato intorno a questi sistemi ha spinto le aziende produttrici ad investimenti importanti per incrementarne le performance. Attualmente un SAPR da poche centinaia di euro è in grado di eseguire operazioni di volo intelligenti, automatiche e di ampio raggio, ma anche potenzialmente molto pericolose. La progettazione di un SAPR è in ogni caso un’attività particolarmente complessa, che prevede competenze in vari settori dell’ingegneria, da quelli tipici della meccanica aeronautica, alle tecnologie dei materiali, a quelli riguardanti il controllo. Analogamente risulta non banale, una volta noto lo scenario applicativo, la scelta della configurazione ottimale del SAPR da utilizzare, cioè determinarne le caratteristiche migliori per esempio in termini di dimensioni o strumentazione di bordo. Esiste infine l’aspetto normativo: l’ENAC (Ente Nazionale Aviazione Civile), cioè l’ente preposto al controllo e alla regolamentazione degli spazi aerei, ha recentemente redatto un regolamento appositamente dedicato agli APR, che viene continuamente aggiornato e al quale si devono attenere aziende costruttrici, piloti ed operatori.
Nonostante già esistano alcune iniziative formative nel settore dei SAPR, esse rimangono molto spesso confinate all’uso per applicazioni specifiche, per esempio quelle cartografiche, o al conseguimento del certificato di pilota. Sono ancora carenti invece corsi più approfonditi di livello universitario in cui i vari aspetti di interesse: la progettazione, l’applicazione, la regolamentazione, siano affrontati in maniera organica e più approfondita. Il Master ha quindi l’ambizione di formare una nuova classe di specialisti che, pur muovendo dal proprio ambito disciplinare e settoriale di formazione, siano in grado di progettare processi e sistemi di conoscenza basati su SAPR idonei a corrispondere ai processi operativi di riferimento.
Per raggiungere questo obiettivo il Master fornisce ai propri studenti le cognizioni teoriche relative ai sistemi di volo, comprese quelle riguardanti la propulsione e l’aerodinamica; affronta gli aspetti relativi all’automazione, al controllo e al pilotaggio assistito da computer; indirizza verso i vari scenari applicativi illustrando le tecniche di telerilevamento, di sensoristica e di analisi dati. Il Master inoltre prevede che venga acquisita una specifica competenza in merito alle normative aeronautiche, alla sicurezza e ai regolamenti di pilotaggio remoto.
Il Master trova il suo principale punto di forza nella presenza, all’interno dell’Ateneo, della gran parte delle competenze necessarie per l’erogazione della didattica. Sono tuttavia previste anche sinergie con importanti soggetti istituzionali quali ENAC e Aeronautica Militare. Inoltre, per permettere ai frequentanti il Master di
sperimentare in un ambito applicativo concreto le cognizioni teoriche acquisite, verranno svolte attività pratiche in collaborazione con aziende, tra queste lo spin-off GEO-K, già operativo nel settore dei servizi basati su drone e afferente al Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica.

Requisiti di ammissione.

Per l’ammissione al corso è richiesto il possesso di diploma di laurea o altro titolo ritenuto equipollente approvato dal Consiglio del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica.
Il Master si rivolge principalmente ai laureati nelle classi di Ingegneria civile e ambientale, Ingegneria dell’informazione, Ingegneria industriale, Ingegneria aeronautica e aerospaziale, Scienze dell’architettura e dell’ingegneria edile, Urbanistica e Scienze della pianificazione territoriale e ambientale, Scienze e tecnologie fisiche, Scienze della Terra, Scienze e tecnologie agrarie, agroalimentari e forestali, Scienze e tecnologie per l’ambiente e la natura, Scienze e tecnologie informatiche, Scienze dei beni culturali. È ammessa l’iscrizione anche a laureati in altre discipline, previa autorizzazione da parte del Collegio dei docenti del Master.
È ammessa l’iscrizione anche a studenti stranieri comunitari ed extracomunitari residenti in Italia con regolare permesso di soggiorno per motivi di studio o di lavoro.
Il titolo di studio straniero dovrà essere allegato alla domanda di iscrizione, corredato di traduzione ufficiale in lingua italiana, legalizzazione e dichiarazione di valore a cura delle Rappresentanze Diplomatiche italiane nel paese in cui il titolo è stato conseguito.
Alla frequenza del Master e dei singoli insegnamenti possono essere ammessi uditori che, pur non possedendo il titolo di studio necessario per l’accesso, siano in possesso di una solida esperienza professionale negli ambiti trattati dal Master.
L’ammissione degli uditori è decisa dal Collegio dei docenti.

Per le informazioni didattiche gli interessati potranno rivolgersi alla Segreteria didattica del Master
Prof. Fabio Del Frate
Tel: 06 7259 7734
Indirizzo e-mail: fabio.del.frate@uniroma2.it

Per tutte le informazioni di tipo amministrativo consultare la pagina web:
Università di Tor Vergata

Link al bando (scadenza 15-1-2021):
Bando Master e Corsi di Perfezionamento a.a. 2020-2021

Scheda del Master Scheda del Master e allegati

Sito web del Master: MasterPARS

Video Promo: Video

(Fonte: Università di Tor Vergata)

Potrebbe anche interessarti:

Il #film Beata Ignoranza e l’era dei social https://giodit.com/2017/03/30/il-film-beata-ignoranza-e-lera-dei-social/ #socialmedia #digitale #cinema

Dai social media alla carta stampata: “Oberdan si lamentava”. Intervista a Francesco Berni ...https://giodit.com/2022/02/03/dai-social-media-alla-carta-stampata-oberdan-si-lamentava-intervista-a-francesco-berni/ #socialmedia #digitale #Telegram #digitale #booklovers #startup

I servizi scolastici del Comune di #Taormina passano al #digitale grazie a una nuova #app che dematerializza tutte le procedure. ...https://smrtn.at/7ten5bD

I colori nel marketing e nel branding [Infografiche] https://giodit.com/2018/04/26/i-colori-nel-marketing-e-nel-branding-infografiche/ #socialmedia ...#digitale #brand #inovation #logo #blog #startup

#repost | Se le aziende non hanno una solida base digitale è inutile che inseguano le mode. Qualche mese fa scrissi questa riflessione su Medium. ...#mcc #azienda #digitale #trasformazionedigitale #digitaltransformation #modadigitale #buzzword #business
https://medium.com/@marcocamisanicalzolari/perch%C3%A9-il-digitale-si-deve-affrontare-solo-seguendo-le-mode-73e90ff3a983

Chemie #Stofftrennung mit #Versuchen
https://youtu.be/aLhywGIKOdA
#Mindmapping #Schule #MINT #Unterricht #twlz #followpower #Chemie #Physik ...#Werkstoffkunde #Lernvideos #FlippedClasroom #bayernedu #Digitale #Bildung #Lehrer #DSGVO #Urheberrecht @YouTube
https://grosty.de

Vestido Lente Zomer Vrouwen Boho Jurk Fashion Elegant Sexy V-hals Retro Digitale Gedrukt Kwastje Bladerdeeg Mouwen Mid Lengte Jurken

link:
...https://s.click.aliexpress.com/e/_DdbgO75

#Vestido #Lente #Zomer #Vrouwen #Boho #Jurk #Fashion #Sexy #Retro #Digitale #Gedrukt #Kwastje #Bladerdeeg #Mouwen

3.571 scuole italiane dell’infanzia beneficeranno dei fondi #PNRR per l’alfabetizzazione #digitale dei bambini 3-6 anni (#iltempoquotidiano). ...Tutti informatizzati, però nessuno fa più imparare le poesie a memoria. La #memoria deve essere cancellata.

Guarda di più...
- Advertisment -spot_img

ULTIMI POST