Home Cultura Diagnostica per i beni culturali con laboratori mobili, accesso gratuito ai servizi...

Diagnostica per i beni culturali con laboratori mobili, accesso gratuito ai servizi E-RIHS

Diagnostica per i beni culturali con laboratori mobili. Fino al 28 febbraio 2021 sarà possibile partecipare alla prima call per l’accesso ai laboratori mobili del nodo italiano dell’infrastruttura di ricerca europea per l’Heritage Science E-RIHS.it (European Researh Infrastructure for Heritage Science), coordinato dall’ISPC l’Istituto di Scienze del Patrimonio Culturale del CNR e la partecipazione di ENEA e INFN.

Con E-RIHS.it è possibile accedere alla più sofisticata strumentazione scientifica e usufruire delle più innovative metodologie fino ad ora sviluppate e distribuite su tutto il territorio nazionale, per una migliore interpretazione, conoscenza, conservazione e restauro del patrimonio culturale.

Cosa è E-RIHS.it

E-RIHS.it (già IPERION CH.it) rappresenta il nodo nazionale della proposta europea E-RIHS (www.e-rihs.eu) ed ha lo scopo di creare una infrastruttura di ricerca distribuita (RI) per l’ Heritage Science in Italia.
Riconosciuta come potenziale infrastruttura di ricerca di interesse paneuropeo, E-RIHS.it è stata approvata e finanziata dal MIUR, Ministero italiano dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.
E-RIHS.it, coordinata dal CNR, rafforza la posizione italiana in Europa nel campo dell’ Heritage Science e ne migliora le capacità nei settori tecnologici e scientifici relativi ai Beni Culturali, integrando strutture all’avanguardia  e offrendo l’accesso a una vasta gamma di strumenti di alto livello scientifico, così come a metodologie, dati e strumenti per promuovere la conoscenza e l’innovazione nella conservazione dei Beni Culturali. E-RIHS.it  collega ricercatori di diverse organizzazioni e favorisce la loro mobilità, contribuendo alla diffusione e valorizzazione della ricerca nazionale e dello sviluppo tecnologico.

Attualmente, il nodo è costituito da:

Sulla pagina dedicata ai laboratori mobili di E-RIHS.it puoi trovare tutte le informazioni relative ad apparecchiature e servizi per le analisi in situ.

E-RIHS.it offre:
  • accesso nazionale a prestigiosi laboratori e strumentazioni all’avanguardia
  • attività di rete
  • istruzione e formazione
  • comunicazione, diffusione e valorizzazione dei risultati
  • promozione dell’innovazione
La call per l’accesso ai laboratori mobili E-RIHS.it

Tramite un panel di esperti revisori esterni all’infrastruttura, E-RIHS.it raccoglie e seleziona, sulla base della qualità scientifica, progetti di ricerca per lo studio di beni d’interesse storico, artistico e archeologico, mobili e immobili, basati su un approccio non invasivo in-situ.

I proponenti dei progetti selezionati usufruiranno gratuitamente dell’accesso a strumentazioni mobili non-invasive (tecniche spettroscopiche puntuali, di imaging e di geofisica, remote sensing e digitalizzazione) per lo studio di opere d’arte, monumenti e siti archeologici presenti sul territorio italiano. La domanda di accesso deve essere scritta in inglese e inviata tramite e-mail al MOLAB helpdesk (e-rihs.ispc@ispc.cnr.it) entro il 28 Febbraio 2021. Il MOLAB helpdesk può essere consultato per qualunque dubbio o necessità di approfondimento durante la stesura della domanda di accesso.

Per maggiori informazioni e per scaricare la domanda di accesso clicca QUI

Il CNR ISPC

L’Istituto di Scienze del Patrimonio Culturale del CNR ha la missione di perseguire l’eccellenza scientifica e favorire l’innovazione nella conoscenza, conservazione e valorizzazione dei beni culturali attraverso ricerche collaborative che coinvolgono discipline umanistiche, scienze sperimentali ed applicazioni tecnologiche.

Con oltre 180 ricercatori, tecnologi e tecnici di varie discipline ed una forte propensione alla interdisciplinarietà, ISPC è l’hub del CNR per la ricerca, l’innovazione, la formazione ed il trasferimento tecnologico dell’area strategica Beni Culturali, aperto alla collaborazione in reti di competenza nazionali ed internazionali.

Le macro aree di attività di ISPC riguardano tematiche di ricerca e infrastrutturali prioritarie per il settore di riferimento:

conoscenza e comprensione del patrimonio culturale materiale e immateriale;
diagnosi, restauro e conservazione preventiva del patrimonio culturale;
gestione, valorizzazione e fruizione sostenibile del patrimonio culturale;
infrastrutture di ricerca, distretti tecnologici, e competence center per le scienze del patrimonio.

ISPC contribuisce alla alta formazione in collaborazione con università italiane e straniere attraverso accordi operativi e progetti di formazione, coinvolge studenti di dottorato e post-doc nelle attività di ricerca, accoglie studenti universitari per tesi di laurea e stage.

ISPC e’ impegnato a favorire l’impiego e la valorizzazione della conoscenza e delle tecnologie sviluppate per contribuire alla crescita economica e culturale della società. Il trasferimento di conoscenza e tecnologie è in particolare verso il sistema produttivo culturale e creativo (amministrazioni regionali, provinciali e comunali, soprintendenze, biblioteche, musei, PMI) con il quale IPSC elabora strumenti e modelli di co-creazione attraverso accordi di collaborazione scientifica.

(Fonte: CNR-ISPC)

Potrebbe interessarti anche:
- Advertisment -

🔴 "Stiamo vivendo un passaggio: dall'industria 4.0 alla società 5.0, una società in cui le tecnologie sono uno strumento." - @GuidoFabbri3 ... (@geosmartcampus) #SmartPills

webinar h 17.00 #Digitaltransformation nelle #SmartCity come #innovazionedigitale, #innovazione #tecnologie e trasformazione #sociale in atto stanno ... cambiando i #servizi e gli #spazi urbani.
https://www.geosmartmagazine.it/2021/01/19/digital-transformation-nelle-smart-city/

Firmato accordo di collaborazione tra Link Campus University @geosmartcampus. L'intesa prevede partnership per progetti formativi e innovativi; ... tirocini formativi e stage per gli studenti del Master Service Innovation & Digital Transformation.

Oggi eravamo all’evento conclusivo #SkillsBuild #Reignite di @IBMItalia dove abbiamo condiviso i numeri di questo grande progetto di formazione ... digitale gratuita:
👉4300 partecipanti
👉101 webinars formativi
👉1300 registrazioni sulla piattaforma, di cui il 56% donne.

3

11° Puntata GeoSmartVoice - Ospite @dardisan Dario DI Santo, Managing Director at @FIRE_ita https://www.youtube.com/watch?v=xnrfB68vPu8
#energy ... #EnergyManagers #SmartCity #DigitalTransformation

🌿.@umbraflornews è la più grande realtà di produzione vivaistica dell’Umbria che ha a disposizione una nuovissima piattaforma che consente di ... archiviare dati di monitoraggio forestale. Scopri ➡ https://bit.ly/3snL55j

@GisAction @TeamDevTech @Esri @Esri_Nonprofit @ArcGISOnline

#EO @esa affida al consorzio guidato da @e_geos lo European Ground Motion Service – #EGMS per il #monitoraggio da #satellite dei movimenti del ... suolo.
#riskmap #riskmanagement #Copernicus #Sentinel
https://bit.ly/2XS9RfT

La trasformazione digitale del Paese è un lavoro di squadra: con una media di 250 adesioni al giorno, sono oltre 3000 le domande dei Comuni italiani ... che hanno aderito all’Avviso Pubblico per promuovere la diffusione di #Spid, @PagoPA e @IOitaliait . C’è tempo fino al 15 gennaio

Guarda di più...
- Advertisment -

ULTIMI POST

Biodiversità: il GIS per il monitoraggio e salvaguardia delle risorse genetiche forestali

Scopo della piattaforma tecnologica GIS di cui vi parliamo, è dare supporto per il monitoraggio e le azioni di salvaguardia e valorizzazione delle risorse...

Il restauro dell’Adorazione dei Magi di Leonardo da Vinci

Il restauro dell’Adorazione dei Magi di Leonardo da Vinci: una campagna di indagini scientifiche per conoscere struttura, materiali e problemi di conservazione. Le indagini hanno...

Social Media Trends 2021, webinar di Stati Generali dell’Innovazione

Webinar SGI 'Social Media Trends 2021' Web, mobile, social: cosa ci attende nel mondo del marketing digitale? Come ogni anno, cerchiamo di comprendere cosa ha in...

Le prime immagini dal satellite COSMO-SkyMed Seconda Generazione (CSG)

COSMO-SkyMed Seconda Generazione (CSG) diventa operativo rafforzando il ruolo e il contributo dell’Italia nel campo dell’Osservazione della Terra. Superata con successo la fase di test...