HomeCulturaSostenibilità e comunicazione nei beni culturali con il digital hub europeo ReinHerit

Sostenibilità e comunicazione nei beni culturali con il digital hub europeo ReinHerit

Sostenibilità e comunicazione nei beni culturali. Il progetto europeo ReinHerit – Redefining the future of cultural heritage, through a disruptive model of sustainability – ha l’obiettivo di proporre un nuovo modello di presentazione dei beni culturali presentandoli e collegandoli per una comprensione legata al più ampio contesto storico e geografico a livello europeo.

Centro di Eccellenza MICC (Media Integration and Communication Center) insieme agli altri partner del progetto H2020 ReinHerit, sta raccogliendo il punto di vista di utenti, visitatori di musei e siti culturali, insieme a quello dei professionisti del settore, da coinvolgere nella progettazione di nuovi servizi ed esperienze di valore culturale.

Qui di seguito i due link per partecipare ai questionari dedicati ai professionisti del settore ed ai visitatori.

  • Questionario per i visitatori: mappatura dell’interesse dei visitatori europei nell’uso degli strumenti digitali in un museo o in un sito del patrimonio culturale.
    Rispondi al questionario qui.
  • Questionario per i professionisti: mappare l’interesse dei professionisti del patrimonio culturale nell’uso di strumenti digitali e una piattaforma digitale relativa al patrimonio culturale nei paesi dell’Unione europea.
    Rispondi al questionario qui.

Presentazione del progetto ReinHerit: Redefining the future of cultural heritage, through a disruptive model of sustainability

Il progetto ReInHerit aspira a interrompere l’attuale status quo di comunicazione, collaborazione e scambio di innovazione tra musei e siti del patrimonio culturale, nel senso che collegherà collezioni e siti del patrimonio culturale e presenterà il patrimonio materiale e immateriale dell’Europa a cittadini e turisti nel loro più ampio contesto storico e contesti geografici. Il progetto ReInHerit propone un modello molto innovativo di gestione sostenibile del patrimonio, attraverso il quale nascerà una rete dinamica; questa rete composta da professionisti del patrimonio culturale, esperti di soluzioni tecnologiche per l’innovazione e il patrimonio culturale, ricercatori, musei nazionali, musei regionali e locali e manager rappresentativi dei siti del marchio del patrimonio. ReInHerit è supportato anche dall’esterno, dai comuni competenti, dai musei regionali e locali, che miglioreranno anche la comunicazione e la cooperazione del settore del patrimonio culturale in tutta l’UE e oltre.

Il modello proposto da ReInHerit si baserà sullo sviluppo di un ecosistema del patrimonio culturale digitale, in cui tutte le principali parti interessate (musei, siti del patrimonio, decisori politici, professionisti e comunità) avranno uno spazio aperto e collaborativo per sperimentare, condividere e innovare. Questo sarà raggiunto attraverso la creazione di un innovativo Digital Hub. Gli strumenti e le risorse (su formazione, turismo, conservazione, conservazione, creazione di conoscenza, uso/riuso di contenuti, traffico illecito di beni) necessari per una gestione sostenibile saranno condivisi attraverso la piattaforma digitale che ospiterà l’ecosistema. Questo ecosistema sarà anche lo spazio esperienziale aperto che supporterà e genererà iniziative imprenditoriali, conoscenza prodotta attraverso la co-creazione, cura di contenuti digitali ed esperienze dei visitatori. Il piano di lavoro proposto include una serie di attività chiave che consentiranno la collaborazione di musei e siti del patrimonio culturale, in tempo reale.

The ReInherit Team
Per maggiori informazioni su ReInheritt reinherit.eu
Contatti info@reinherit.eu

(Fonte: Centro di Eccellenza MICC)

Leggi anche:

Il #film Beata Ignoranza e l’era dei social https://giodit.com/2017/03/30/il-film-beata-ignoranza-e-lera-dei-social/ #socialmedia #digitale #cinema

Dai social media alla carta stampata: “Oberdan si lamentava”. Intervista a Francesco Berni ...https://giodit.com/2022/02/03/dai-social-media-alla-carta-stampata-oberdan-si-lamentava-intervista-a-francesco-berni/ #socialmedia #digitale #Telegram #digitale #booklovers #startup

I servizi scolastici del Comune di #Taormina passano al #digitale grazie a una nuova #app che dematerializza tutte le procedure. ...https://smrtn.at/7ten5bD

I colori nel marketing e nel branding [Infografiche] https://giodit.com/2018/04/26/i-colori-nel-marketing-e-nel-branding-infografiche/ #socialmedia ...#digitale #brand #inovation #logo #blog #startup

#repost | Se le aziende non hanno una solida base digitale è inutile che inseguano le mode. Qualche mese fa scrissi questa riflessione su Medium. ...#mcc #azienda #digitale #trasformazionedigitale #digitaltransformation #modadigitale #buzzword #business
https://medium.com/@marcocamisanicalzolari/perch%C3%A9-il-digitale-si-deve-affrontare-solo-seguendo-le-mode-73e90ff3a983

Chemie #Stofftrennung mit #Versuchen
https://youtu.be/aLhywGIKOdA
#Mindmapping #Schule #MINT #Unterricht #twlz #followpower #Chemie #Physik ...#Werkstoffkunde #Lernvideos #FlippedClasroom #bayernedu #Digitale #Bildung #Lehrer #DSGVO #Urheberrecht @YouTube
https://grosty.de

Vestido Lente Zomer Vrouwen Boho Jurk Fashion Elegant Sexy V-hals Retro Digitale Gedrukt Kwastje Bladerdeeg Mouwen Mid Lengte Jurken

link:
...https://s.click.aliexpress.com/e/_DdbgO75

#Vestido #Lente #Zomer #Vrouwen #Boho #Jurk #Fashion #Sexy #Retro #Digitale #Gedrukt #Kwastje #Bladerdeeg #Mouwen

3.571 scuole italiane dell’infanzia beneficeranno dei fondi #PNRR per l’alfabetizzazione #digitale dei bambini 3-6 anni (#iltempoquotidiano). ...Tutti informatizzati, però nessuno fa più imparare le poesie a memoria. La #memoria deve essere cancellata.

Guarda di più...
- Advertisment -spot_img

ULTIMI POST