HomeGeo-ITIl Rapid Mapping del Copernicus Emergency Management Service compie 10 anni

Il Rapid Mapping del Copernicus Emergency Management Service compie 10 anni

Il 27 aprile 2022 il Copernicus Emergency Management Service (CEMS) ha segnato un importante anniversario. sono infatti trascorsi dieci anni da quando il servizio Rapid Mapping è stato attivato per la prima volta!

Nell’ambito della GMES Initial Operations phase (il nome originale del componente Copernicus del Programma spaziale dell’Unione Europea), il Copernicus Emergency Management Service è stato il primo servizio ad essere dichiarato pienamente operativo e, all’interno del suo portafoglio prodotti, Rapid Mapping (RM) è stata la prima linea di prodotti per iniziare a servire gli utenti.

Copernicus Rapid Mapping time line
Cronologia degli eventi chiave che hanno portato alla prima attivazione del Rapid Mapping del Copernicus Emergency Management Service.

Da allora, il servizio non ha mai smesso di evolversi per servire meglio i propri utenti ed è diventato un riferimento per l’ecosistema di gestione delle emergenze.

Copernicus Rapid Mapping numero attivazioni
Attivazioni per anno del CEMS Rapid Mapping.

Copernicus Emergency Management Service, un servizio unico con copertura globale

Essendo stato sviluppato nell’ambito del progetto di ricerca e sviluppo SAFER finanziato dall’UE, il CEMS era ed è rimasto unico sin dal suo lancio. È diventato il gold standard per i prodotti cartografici satellitari “science-based” e “quality-controlled”, per supportare i gestori delle emergenze e gli operatori umanitari in Europa e nel mondo.

CEMS in numeri

  • 572 attivazioni del servizio di Rapid Mapping dal 2012 ad oggi;
  • 24H/365 giorni di operativa continuativa;
  • Più di 5.500 mappe consegnate;
  • 120 paesi e territori coperti dall’attivazione di Rapid Mapping (RM).

Negli ultimi dieci anni, il componente Rapid Mapping di CEMS ha fornito più di 5.500 mappe in 572 attivazioni individuali (al 19 aprile 2022) a utenti di tutto il mondo. Gli utenti del servizio includono lo European Emergency Response Coordinating Centre of the European Commission, le istituzioni europee che partecipano al meccanismo di protezione civile dell’UE (EUCPM) e gli organismi delle Nazioni Unite come il World Food Programme. Complessivamente, CEMS ha fornito prodotti di mappatura per coprire i disastri in quasi 120 paesi e territori!

Copernicus Rapid Mapping numero di paesi

Nell’ultimo decennio, i prodotti CEMS Rapid Mapping hanno dimostrato la loro efficacia nel supportare la gestione dei disastri e gli aiuti umanitari in tutto il mondo e per tutti i tipi di disastri, inclusi:

  • terremoti (in Croazia, Haiti, Indonesia, Italia centrale, Nepal, Turchia e altri); tsunami (in Indonesia);
  • incendi (in tutta Europa, ma anche in Australia, Bolivia, Messico, Bangladesh, Libano e persino Groenlandia);
  • inondazioni (in tutta Europa, ma anche in Mozambico, Malawi, Togo, Uganda, Niger, Nigeria, Gibuti, Somalia, Zimbabwe, Australia, Timor-Leste, Sri Lanka, Afghanistan, India, Myanmar, Iran, Tagikistan, Vietnam, Giordania, Messico , Colombia, Nicaragua, Honduras Perù e, ultimo ma non meno importante, negli Stati Uniti);
  • infortuni sul lavoro (a Beirut, Libano, Bulgaria, Francia, Cechia, Lussemburgo, Madagascar);
  • uragani, tifoni e cicloni (nelle Filippine con Hayan, ad Haiti con Matthew e Irma, negli Stati Uniti con Florence, Harvey, Irma, Matthew e Michael, nei Caraibi e in Centro America con Iota e Dorian, nonché in Mozambico con Idai e Kenneth),
  • eruzioni vulcaniche (Etna in Italia, Anak Krakatau in Indonesia, Taal nelle Filippine, Cumbre Vieja a La Palma, Tonga, La Soufriere a St Vincent, Fuego in Guatemala, Fogo a Capo Verde, Nyiragongo nella Repubblica Democratica del Congo).
  • Molte le attivazioni sono state attivate in risposta alle crisi umanitarie (in Myanmar e Bangladesh, Iraq, Giordania, Repubblica Centrafricana, Nigeria o Afghanistan).
  • Ci sono state anche attivazioni legate a smottamenti, colate di fango, tempeste di vento e cadute di alberi, bufere di neve; anche focolai di malattie e pandemie (COVID-19, Ebola).
Copernicus Rapid Mapping mappa terremoto Croazia
Mappa del CEMS Copernicus per la catastrofe in Croazia causata dal terremoto del dicembre 2020.

Come illustra questo lungo elenco, non ci sono limiti alla portata geografica del CEMS Rapid Mapping e al tipo di situazione di emergenza che può affrontare in modo efficiente.

Mappa del mondo con le attivazioni del servizio Rapid Mapping Copernicus
Panoramica delle attivazioni di Copernicus EMS Rapid Mapping nel 2021.

Resilienza

Il CEMS Rapid Mapping Team ha anche dimostrato la sua resilienza durante molteplici crisi globali. Ad esempio, al culmine della crisi degli incendi boschivi nel Mediterraneo dell’estate 2021, ha ricevuto 22 attivazioni nell’arco di 30 giorni, di cui 13 in contemporanea, rappresentando circa tre volte i numeri medi (tra 5 e 6 attivazioni in media al mese) che aveva gestito negli anni precedenti.

CEMS attivazioni nell'area del Mediterraneo
Attivazioni del Rapid Mapping CEMS nella regione del Mediterraneo tra il 16 luglio e l’11 agosto 2021.

Un servizio instancabile

Le attività di Rapid Mapping proseguono fino alla fine dell’emergenza.

All’indomani dell’uragano Matthew nel 2016, sono stati consegnati un totale di 133 prodotti di mappatura per valutare i danni ad Haiti. A seguito delle disastrose inondazioni del fiume Shannon in Irlanda, nel dicembre 2015, 107 prodotti cartografici sono stati consegnati alla Direzione nazionale irlandese per la gestione degli incendi e delle emergenze.

Per quanto riguarda il “making of”, la fase realizzativa nel back-end, va notato che i prodotti Rapid Mapping sono realizzati da un team di appaltatori industriali organizzati per lavorare 24 ore su 24, 7 giorni su 7, 365 giorni l’anno.

In effetti, le mappe venivano prodotte il 15 agosto 2021 (in particolare per la classificazione dei danni del terremoto di Haiti) o il giorno di Natale (all’indomani del Super Typhoon Rai che ha colpito le Filippine).

Copernicus Centro di coordinamento emergenze EU
I prodotti Copernicus Emergency Management Rapid Mapping sono diventati uno strumento chiave per i funzionari in servizio del Centro di coordinamento della risposta alle emergenze della Commissione europea.

I meriti riconosciuti

Grazie ai suoi prodotti di mappatura, tra settembre e dicembre 2021, il CEMS ha documentato l’evoluzione e l’entità della colata lavica emessa durante l’eruzione vulcanica alla Palma, nonché la distruzione delle infrastrutture edificate.

Nel corso dei tre mesi dell’eruzione, il team di mappatura rapida del CEMS ha fornito un record di 64 prodotti per la stessa area di interesse e 126 mappe per informare i primi soccorritori, il pubblico in generale, le istituzioni, i media e gli esperti e aiutare ad analizzare l’eruzione impatto sulle comunità e sull’economia della Palma.

Copernicus mappa eruzione di La Palma.
Visualizzazione dei dati che mostrano l’evoluzione del flusso lavico, prodotto dalla sovrapposizione dei dati vettoriali dei vari prodotti per il monitoraggio del grading del danno forniti dal Team del Rapid Mapping del CEMS.

Il 12 marzo 2022, il CEMS ha ricevuto dal Ministero dell’Interno spagnolo la Medaglia al merito della Protezione Civile, per il suo contributo significativo alla risposta alle emergenze durante la recente eruzione vulcanica sull’isola della Palma. Il CEMS ha fornito alle autorità spagnole informazioni geospaziali tempestive e accurate prima, durante e dopo l’eruzione.

Equilibrio di genere

Infine, va notato che il CEMS Rapid Mapping Team è un modello in termini di equilibrio di genere, con molte donne esperte e scienziate che lavorano nella DG JRC Program Management e nei gruppi di contraenti, guidati da Lucia Luzietti.

 

Informazioni per approfondimento:

(Fonte: Copernicus EU)

Leggi anche:

 

#HealthTech 🎓#formation : @Sorbonne_Univ_ et le Digital Médical Hub @APHP lancent un nouveau #diplôme universitaire : « #esanté et ...transformation #digitale »
➡️Avec 4 journées en immersion à l’@HotelDieuParis
👉Public ciblé, programme et objectifs : https://www.healthandtech.eu/fr/article/view/15153/formation-quoi-consiste-nouveau-e-sante-lance-sorbonne-inscriptions.html

#FDDay revient le 28 septembre 2022:
10e édition anniversaire du #France #Digitale #Day à
📍Paris.
Organisé par @FRdigitale, c'est l’un des ...#events les plus exclusifs d’#Europe, et plus grand RDV d’#affaires de 🇫🇷.
👉Réservez vos places : https://francedigitale.org/event/fdday2022/
#event

Il #digitale che vale di più è quello che non si vede, questo significa avere una tecnologia alle spalle a supporto di tutti i processi che possa ...rendere possibile il cambiamento

Carlo Panella, Chief Direct Banking, Digital and Operations Officer, @illimitybank

#TIGbanking

Digitale il ponte Italia-Usa per sbloccare il potenziale dell’industria - #Digitale #ponte #Italia-Usa ...https://www.zazoom.it/2022-09-22/digitale-il-ponte-italia-usa-per-sbloccare-il-potenziale-dellindustria/11618225/

Barbara Thiel fordert beim @privacyring, dass wir schon im Kindergarten und in den Schulen auf #digitale Bildung setzen.
Ihr Wort in des ...Gesetzgebers Ohr.

Per le #ElezioniPolitiche22 anche Emanuele Rosario De Carolis ha scelto di raccogliere fondi in maniera #digitale e #trasparente su @Politically_it -... La raccolta fondi: http://politic-ally.it/campaign/emanuele-rosario-de-carolis

Scopri l’edizione #online del #Master in #Arte e #Digitale: #Progetti #Innovativi e #Strategie di #Marketing e #Comunicazione proposto da RCS ...Academy

Per capire di cosa si tratta clicca qui: https://bit.ly/3y9Zl52

#rcsacademy #milano #eventi #guidamaster

Il Presidente di Telefono Azzurro @ernestocaffo parteciperà a #StateofPrivacy22 come moderatore del tavolo tematico dedicato ai minori, a favore ...della #sicurezza di bambini e adolescenti nell'ambiente #digitale.

Garante Privacy @GPDP_IT

SaveTheDate | 23.09.2022 | Il #GarantePrivacy lancia una call to action per il futuro della protezione dati e chiama a raccolta oltre 250 esperti e ...rappresentanti di soggetti pubblici e privati ➡️ https://www.stateofprivacy.it/ 👇

Al #LateTechShow Giovanni Ravasio di @Oracle per parlare, di #app e di #cloud, di una #ricerca su cosa vogliono le persone quando vanno allo #stadio ...e come il #digitale può aiutare!
Su @YouTube http://ow.ly/a3mt50KQqmB
@Spotify anche #video http://ow.ly/bv2650KQqms
@OracleItalia

🚨RESULTATS ONENEXT INFLUENCE 2022 🚨

L'ACPM publie la nouvelle étude #OneNextInfluence, elle donne accès aux résultats d'audience #Print et ...#Digitale des marques de #Presse, des cibles stratégiques de cadres dirigeants et de foyers à hauts revenus.

👉https://bit.ly/3DL1lW7

Guarda di più...
- Advertisment -spot_img

ULTIMI POST